Fort Fredrick, Trincomalee, Sri Lanka. Author Bel Adone. No Copyright
Fort Fredrick, Trincomalee, Sri Lanka. Author Bel Adone

Trincomalee: Il primo tentativo di occupazione inglese e la definitiva resa degli olandesi

Scritto da Marco Ramerini

Indietro: Il consolidamento della presenza olandese

8.0 IL PRIMO TENTATIVO DI OCCUPAZIONE INGLESE E LA DEFINITIVA RESA DEGLI OLANDESI

Nel Dicembre 1780, il Regno Unito, dichiarò guerra all’Olanda, la notizia raggiunse Ceylon nel Giugno 1781, alcuni preparativi furono fatti dal governo dell’isola per rinforzarne le difese in vista di un imminente attacco britannico; ma gli Inglesi agirono con rapidità, attaccando immediatamente Trincomalee.

L’ 8 Gennaio 1782, Trincomalee fu catturata dagli Inglesi, comandati dall’ammiraglio Edward Hughes, poi il 29 Agosto dello stesso anno (1782), venne occupata dai Francesi, comandati dall’ammiraglio Suffren, che erano alleati degli Olandesi. La flotta francese attaccò la città insieme a un distaccamento di truppe Olandesi, che da Jaffna per via terra aveva raggiunto Trincomalee. Gli Inglesi si arresero senza combattere.
A seguito degli accordi stipulati nel trattato di Versailles, nel 1783, i Francesi cedettero Trincomalee di nuovo agli Olandesi.

Nella città di Trincomalee, gli Olandesi nel periodo tra il 1789 e il 1793, aprirono una zecca e coniarono monete. L’amministrazione del territorio fu, per molti anni, sotto il controllo del comandante di Trincomalee, colonnello von Drieberg, che attraverso l’utilizzo di lavoratori indigeni, mise dei residenti nei villaggi di Kottiyar e Tamblagam e propose al governatore de Graaf di installare un altro residente a Kattekolapattu. Al colonnello von Drieberg sucedette l’ultimo comandante olandese di Trincomalee, il maggiore Jan George Fornbauer.1

Nel gennaio 1795 le truppe rivoluzionarie francesi occuparono l’Olanda, dove fu costituita la Repubblica Batava, lo Stadtholder era fuggito in Inghilterra. La situazione delle colonie olandesi era di pericolo grave, non sapendo, quale fosse il governo a cui dovevano obbedire. I primi a raggiungere Ceylon furono gli inglesi che portarono con loro gli ordini dello Stadtholder che chiedava agli inglesi di occupare con le proprie truppe i forti olandesi in modo da difenderli dai francesi. Successivamente ci furono negoziati tra gli inglesi e il governo olandese dell’isola che portò ad un accordo preliminare con il quale furono autorizzati gli inglesi a mantenere 800 soldati sull’isola: 300 nel forte Ostenburg a Trincomalee, 300 nei forti di Negombo e Kalutara e 200 nel forte di Matara.

Il 1 agosto 1795, gli inglesi, con una lettera firmata dal governatore olandese van Angelbeek, arrivarono a Trincomalee chiedendo di essere ricevuti come alleati e di poter occupare con 300 soldati il forte Ostenburg, ma Fornbauer, il comandante olandese del forte, si rifiutò di consegnare il forte senza prima ricevere un ordine scritto firmato dal governatore e dai membri del consiglio di Ceylon, come era la prassi. Gli inglesi non persero tempo in ulteriori negoziati e il 2 agosto 1795 sbarcarono le loro truppe 4 miglia a nord dal forte e cominciarono a prepararsi per l’attacco.

Il comandante del forte olandese a capo di una guarnigione che contava circa 500 soldati europei, 250 malesi e 150 sepoy, resistette bene per alcune settimane, ma dopo un intenso bombardamento di quattro giorni, fu costretto alla resa il 26 Agosto 1795, alla guarnigione vennero concessi gli onori di guerra, e Trincomalee venne così occupata dagli Inglesi. Della guarnigione Olandese facevano parte anche circa 200 uomini del reggimento di mercenari svizzeri de Meuron, che vennero presi come prigionieri di guerra dai britannici.

Le perdite tra gli olandesi furono pari a 120-130 uomini tra morti e feriti, mentre gli inglesi avevano avuto 72 uomini tra i morti e feriti di cui 50 europei.Il forte Oostenburgh, che all’inizio dell’attacco aveva una guarnigione di 300 soldati dei quali 200 erano europei, si arrese dopo un breve bombardamento pochi giorni dopo, il 31 Agosto 1795.2

Il forte di Trincomalee venne rinominato dai nuovi padroni Fort Frederick, e così tuttora viene chiamato.

Durante l’occupazione Inglese, la Baia di Trincomalee venne considerata, quale base della Marina Britannica, di importanza seconda solo a Singapore. Le parole di Pitt riguardo a Trincomalee sono particolarmente descrittive: ‘è la baia più bella e più vantaggiosa in tutta l’India’, mentre l’ammiraglio Nelson, descrive Trincomalee come il miglior porto del mondo.

TRINCOMALE (08°35’N – 81°15’E)

Nome portoghese: Fortaleza de Triquinimale (1623)
Baluardi di: St. Iago; Santa Cruz; Santo Antonio

Nome olandese: Pagoodsberg
Baluardi di: Zeeburg; Amsterdam; Enkhysen o Enkhuizen; Holland; Cat (una piattaforma per cannoni).
Fort Oostenburg (167 ? )

Nome inglese: Fort Frederick

CRONOLOGIA:

Danese (tentativo di insediamento) Maggio 1620 – 1621
Portoghese: Luglio 1623 – 2 Maggio 1639
Olandese: 2 Maggio 1639 – 1640
Re di Kandy: (distrutto 1643 ? e abbandonato) 1640 – Settembre 1665
Olandese: Settembre 1665 – 8 Gennaio 1782
Francese: (il forte restò in mani olandesi) (Marzo 1672 – Luglio 1672 )
Inglese: 8 Gennaio 1782 – 28 Agosto 1782
Francese: 28 Agosto 1782 – 1783
Olandese: 1783 – 26 Agosto 1795 (Fort Oostenburgh: 31 Agosto 1795)
Inglese 26 Agosto 1795 (Fort Oostenburgh: 31 Agosto 1795)

Continua: Bibliografia

Porta d'ingresso principale, Fort Fredrick, Trincomalee, Sri Lanka. Author Bel Adone. No Copyright

Porta d’ingresso principale, Fort Fredrick, Trincomalee, Sri Lanka. Author Bel Adone

NOTE:

1 “Governor van de Graaf’s memorial to his successor Governor J.G. van Angelbeck, 1794”, in: “Ceylon Literary Register”, p. 809.

2 “The Turnour manuscript, 1795”, in: “Historical manuscripts commission, Ceylon”, n° 1 may, 1937, pp. 16-19 and also Colin-Thome “Governor van Angelbeek and the capitulation of the Dutch settlements in Ceylon to the British, 1796”, in: JDBUC, vol. LIX, n°1-4, 1981, pp. 23-55.

banner
Close
GDPR
EU laws require that we request your consent to the use of cookies. We use cookies to ensure that our site works properly. Some of our advertising partners also collect data and use cookies to publish personalized ads.




Subscribe to our YOUTUBE channel: